QATAR-ECUADOR: DEBUTTO AMARO PER LA NAZIONALE OSPITANTE

21 Novembre 2022

La cerimonia inaugurale

Inizia con un’animazione e un countdown la cerimonia di apertura di Qatar 2022. Segue un video emozionale con protagonista uno squalo balena, “simbolo” del Paese, che “nuota” nel cielo fino allo stadio, dando il via ufficialmente al torneo. La scena poi torna nello stadio, dove alcuni figuranti e ballerini ballano tra cammelli e giochi di luci richiamando la sabbia sollevata dal vento nel deserto. All’interno dello stadio la cerimonia è poi sugellata dal celebre Morgan Freeman. L’attore parla con Ghanim al Muftah, giovanissimo attore disabile, intavolando un dialogo all’insegna della tolleranza, il rispetto e l’inclusione.  “Con il rispetto reciproco possiamo vivere insieme, con la tolleranza e il rispetto possiamo vivere sotto un unico tetto“. ”

L‘evento prosegue con balli, giochi di luci e cori che riprendono quelli che supportano le nazionali che partecipano al Mondiale. Sul terreno di gioco anche le bandiere e le magliette dei Paesi impegnati nella fase finale della competizione. La manifestazione prosegue poi sul terreno di gioco entrano le mascotte dei Mondiali precedenti. Un amarcord speciale accompagnato ancora da balli e dagli sbandieratori di Faenza. C’è anche “Ciao”, quella di Italia ’90.

La cerimonia prosegue con le immagini di una partita di calcio nel deserto di oltre 50 anni fa e con il discorso dell’Emiro Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani: “Diamo il benvenuto alla Coppa del Mondo. Abbiamo lavorato duramente per allestire un torneo di successo. Abbiamo profuso tutti i nostri sforzi per il bene dell’umanità. Finalmente è arrivato il giorno dell’inaugurazione, che tutti aspettavamo. Per i prossimi 28 giorni seguiremo la grande festa del calcio in un ambiente di umana e civile comunicazione. Persone di tante Paesi diversi verranno in Qatar: è bello che i popoli condividano e celebrino diversità e ciò che li unisce. Auguro a tutte le squadre di giocare un calcio magnifico, di vivere n tempo pieno di gioia ed emozioni. Che siano giorni che possano ispirare bontà e speranza. Benvenuti e buona fortuna a tutti“.

La partita

L’Ecuador ha battuto 2-0 il Qatar, la nazionale ospitante. In una partita ampiamente controllata dall’Ecuador, i gol sono stati segnati nel primo tempo, entrambi dall’attaccante Enner Valencia. Il Qatar non ha fatto una buona impressione all’esordio: non è mai riuscito a reagire allo svantaggio e ha terminato la partita senza nemmeno un tiro in porta, a dimostrazione delle grandi difficoltà avute nell’impostazione del gioco.
Formazioni
QATAR (5-3-2) – Al Sheeb; Pedro Miguel, Hassan, Ahmed, Hisham, Khoukhi; Hatem, Alhaydos (71′ Waad), Boudiaf; Afif, Almoez Ali (72′ Muntari). All.: Sanchez.
ECUADOR (4-4-2) – Galindez; A. Preciado, Torres, Hincapie, Estupinan; Plata, Mendez, Caicedo (91′ Franco), Ibarra (68′ Sarmiento); Valencia (77′ Cifuentes). Estrada (90′ Rodriguez). All.: Alfaro.

 

Cronaca della partita

Una partita dominata dall’Ecuador, trascinato da Enner Valencia: doppietta e prestazione dominante per l’attaccante del Fenerbahce e capitano della selezione di Alfaro.  Al 3′ annullato dal Var un gol all’Ecuador: sugli sviluppi di un calcio di punizione Al Sheeb esce malissimo, il pallone rimane lì per la mezza rovesciata di Felix Torres che si trasforma in un assist per Valencia che di testa, da due passi, insacca. Orsato convalida ma successivamente, richiamato dal VAR, annulla per offside.  Al 16′ l’Ecuador passa in vantaggio: Valencia entra in area, evita Al Sheeb con un dribbling secco e il portiere del Qatar non può fare altro che stenderlo. Orsato non ha dubbi e concede il rigore. Dal dischetto l’attaccante dell’Ecuador la mette in rete per l’1-0. Al 31′ l’Ecuador raddoppia: fantastica incornata di Valencia su un cross dalla destra di Preciado, Al Sheeb si tuffa ma la palla si infila nell’angolino basso dove è impossibile arrivare. Rete splendida con assist di Preciado.

Al 50′ della ripresa grande occasione per il Qatar. Ali, tutto solo a centro area, impatta di testa indisturbato ma incredibilmente spedisce a lato.  Al 55′ l’Ecuador sfiora il 3-0. Ibarra calcia col destro a giro dal limite dell’area dopo un’azione tutta in verticale: Al Sheeb si distende e respinge in tuffo. Per tuto il resto della gara, l’Ecuador si limita a controllare, e il piano funziona. Il Qatar svanisce, rendendosi pericoloso solo all’ 86′ con un Destro in girata di Muntari dal limite dell’area: pallone di poco alto, ma grande giocata dell’attaccante del Qatar.

Non è cominciato nel migliore dei modi il Mondiale del Qatar. La Nazionale padrona di casa, infatti, è stata sconfitta al debutto da un Ecuador migliore sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista della volontà. A decidere il match è stata una doppietta di Enner Valencia nel primo tempo, con il Qatar che non ha saputo mai rispondere. Una brutta botta per la squadra di Félix Sánchez che proprio da questa gara si aspettava di racimolare qualcosa in più, considerando che nelle successive giornate sfiderà rivali di altro livello: Senegal e Olanda. E’ stata la prima volta che una squadra padrona di casa ha perso la proprio gara inaugurale. Non era mai successo nelle 21 edizioni precedenti.

Queste le dichiarazioni del tecnico del Qatar Fèlix Sànchez in conferenza stampa: “Non era la partita che avevamo previsto. Dovremo analizzare quanto successo e concentrarci sulla prossima partita, che sarà altrettanto impegnativa. Possiamo migliorare tanto, anche se non abbiamo giocato ai nostri migliori livelli”. Poi ha continuato: “Forse i nervi ci hanno tradito, siamo partiti davvero male e siamo stati molto imprecisi, non abbiamo mai messo assieme quattro passaggi e non siamo stati equilibrati nella transizione del pallone. Cercheremo di migliorare tatticamente e di essere più solidi”.

Il ct dell’Ecuador, Gustavo Alfaro, ha parlato in conferenza stampa dopo la vittoria all’esordio contro il Qatar:  “La vittoria di oggi? Era importante per noi vincere la prima gara, siamo la squadra più giovane del torneo e alcune cose andranno migliorate. Valencia Giocherà contro l’Olanda». 

Mondiali Qatar

Contenuti simili