BELGIO ELIMINATO DAL MONDIALE. SI DIMETTE IL CT.

1 Dicembre 2022

Doveva essere una delle big quotate a prender parte alle fasi finali, ma ciò non è accaduto. Il Belgio viene eliminato dai Mondiali.  In una sfida molto equilibrata e ricca di occasioni, la grande opportunità capita sul destro di Lukaku che sciupa incredibilmente il gol decisivo. Il Belgio non va oltre lo 0-0 con la Croazia e saluta così al primo turno la competizione mondiale.

 

Le Formazioni

 

CROAZIA (4-3-3): Livakovic; Juranovic, Lovren, Gvardiol, Sosa; Modric, Brozovic, Kovacic (90+2′ Majer); Perisic, Livaja (64′ Petkovic), Kramaric (64′ Pasalic). All. Dalic

 

BELGIO (3-4-2-1): Courtois; Dendoncker (72′ Tielemans), Alderweireld, Vertonghen; Meunier (87′ E. Hazard), De Bruyne, Witsel, Castagne; Mertens (46′ Lukaku), Carrasco (72′ Doku); Trossard (58′ T. Hazard). All. Martinez

 

 

 

 Cronaca della partita

 

Il vantaggio-lampo del Marocco sul Canada costringe entrambe le squadre a giocare senza risparmiarsi. Al 13′ i Diavoli Rossi hanno un’enorme chance con Mertens, che sull’assist di De Bruyne apre troppo il piattone e spara alle stelle da ottima posizione. Pochi minuti dopo, poi, un episodio da Var: Taylor fischia il penalty per un fallo in area di Carrasco su Kramaric, ma poco dopo viene richiamato al monitor. Il fuorigioco semiautomatico rileva infatti un offside millimetrico di Lovren a inizio azione e l’arbitro inglese giudica la posizione attiva, cancellando il rigore.

La manovra croata è estremamente fluida ed efficace, mentre il Belgio si accende solo a sprazzi, ma al 42′ ha un’altra buona opportunità con un affondo di Dendoncker non sfruttato al meglio da Mertens. Un primo tempo tutto sommato vivace si chiude sullo 0-0. A inizio ripresa Martinez getta subito nella mischia Lukaku al posto di Mertens per giocarsi il tutto per tutto. Il nerazzurro ha subito una buona opportunità di testa, ma quella più clamorosa capita sul destro di Kovacic al 50′, deviato in corner da un gran riflesso di Courtois.

Il portiere del Real si ripete altre due volte, prima su Brozovic, poi su Modric, ma al 60′ tocca al Belgio disperarsi: imbucata di De Bruyne per Carrasco, tiro ravvicinato murato da Juranovic che finisce tra i piedi di Lukaku. Al 61′ occasionissima Belgio: Carrasco calcia addosso a Livakovic e sul rimbalzo Lukaku colpisce in pieno il palo. Diavoli rossi ad un passo dal gol. Nei minuti finali un cross di Meunier trova il colpo di stinco di Lukaku: palla a fil di palo. Al 90′ Lukaku ne sbaglia un altro:  cross morbido di Hazard, Livakovic esce a vuoto e Lukaku, senza il portiere, colpisce debolmente con il petto.

È la fine della golden generation del Belgio? Probabilmente sì. Nell’ultima giornata del gruppo F, i diavoli rossi di Roberto Martinez sbattono sul muro della Croazia e salutano il Mondiale. Una delusione se pensiamo ai talenti a disposizione (De Bruyne, Hazard, Tielemans e Lukaku). L’attaccante dell’Inter, poi, abbandona il Qatar nel peggiore dei modi, divorando tre gol a porta vuota e condannando i compagni. D’altro canto, alle sue spalle c’è stata una squadra incapace di giocare in maniera fluida, sempre in preda alla confusione. Questi 4 punti in tre partite rispecchiano pienamente il Belgio del 2022: un gruppo inespresso. Agli ottavi, al posto dei nord-europei, ci va la Croazia, che però si deve accontentare del secondo posto.

 

Le Dimissioni di Martinez

 

Al termine del match arrivano anche le dimissioni del CT Martinez, il quale, in conferenza stampa ha annunciato di non voler continuare alla guida della nazionale. Queste le sue parole: “Questa è stata la mia ultima partita da allenatore della Nazionale. Non posso più continuare, ho già salutato giocatori e staff. Anche se fossimo diventati campioni del mondo avrei lasciato, la mia decisione è stata presa prima del Mondiale”. Una decisione, quella dell’allenatore, già preannunciata a giudicare dalle sue parole. Si apre così la successione alla panchina del Belgio.

 

 

Mondiali Qatar

Contenuti simili