SUPERCOPPA ALLINTER: ZHANG PREMIA TUTTI

SUPERCOPPA ALL’INTER: ZHANG PREMIA TUTTI

13 Gennaio 2022
La Pazza Inter vince nel modo più strano e rocambolesco la sesta Supercoppa della sua storia, grazie al gol allo scadere realizzato dal “dimenticato” Sanchez. Il tutto al termine di una partita dominata per lunghi tratti contro una Juve che ha giocato di rimessa crollando sul più bello a causa di una leggerezza di Alex Sandro.
Inzaghi conferma 10/11esimi della squadra che ha battuto la Lazio: l’unica novità è Dzeko per Sanchez. Allegri, tra infortuni (Chiesa e il partente Ramsey) e squalifiche (Cuadrado e De Ligt), ridisegna la Juve con un 4-4-2, con Perin in porta e la coppia centrale Chiellini-Rugani. Bonucci viene invece risparmiato.

In attacco la coppia Morata-Kulusevski, con Dybala in serbo come jolly da utilizzare a gara in corso. Al 25’ i bianconeri sbloccano il match con un’azione insistita di Morata che si allarga e crossa al centro un pallone sul quale arriva McKennie che insacca in rete.

Al 34’ rigore Inter: l’arbitro Doveri fischia rigore per un intervento di De Sciglio su Dzeko in anticipo su quest’ultimo. Lautaro colpisce di collo e manda sulla destra, spiazzato Perin. Al Meazza è quindi 1-1. Nella ripresa parte meglio la Juve, con una doppia occasione per Bernardeschi: il primo sinistro sibila a lato di poco, il secondo è di poco alto sopra la traversa. Passato il pericolo, i padroni di casa riprendono in mano le redini del match e mettono alle corde i rivali. La chance più nitida al 59′, quando Calhanoglu pesca Dumfries, il cui colpo di testa è salvato da Perin con l’aiuto del palo. E’ costante la pressione nerazzurra, ma Perin difende bene i pali prima su Lautaro e poi su Perisic. Le squadre sono inevitabilmente stanche e nell’extratime i ritmi si abbassano. Sanchez conferma di essere davvero in palla e al 96′ il suo colpo di testa finisce a lato di un capello o poco più. E quando i rigori sembrano ormai l’epilogo, arriva la zampata all’ultimo assalto del cileno, favorito da una follia di Alex Sandro nell’area della Juventus. E al triplice fischio di Doveri, la festa è tutta nerazzurra! 
Nel finale episodio ancora tutto da chiarire che vede Bonucci battibeccare con un dipendente dell’Inter. Possibile squalifica in arrivo per il centrale della Juve.
Nel finale Inzaghi promette premio societario ai
vincitori, confidando nella generosità del Presidente Nerazzurro.