STURM GRAZ LAZIO 0-0:  BIANCOCELESTI BLOCCATI IN AUSTRIA

STURM GRAZ LAZIO 0-0: BIANCOCELESTI BLOCCATI IN AUSTRIA

7 Ottobre 2022

Nella terza giornata di Europa League, la Lazio non va oltre lo 0-0 in casa dello Sturm Graz. Entrambe le squadre sono reduci da una brutta sconfitta nella scorsa giornata di Europa League;
lo Sturm Graz, ha perso 6-0 in casa del Feyenoord mentre la Lazio è
stata battuta 5-1 dal Midtjylland. La Lazio porta a casa un pareggio, ma ci si aspettava di più dai biancocelesti, che continuano a non brillare in Europa League.
Biancocelesti a quota quattro punti nel girone, fra una settimana all’Olimpico la sfida di ritorno.

Le formazioni


STURM GRAZ (4-3-1-2):
Siebenhandl;
Gazibegovic, Affengruber, Wuthrich, Dante; Hierlander (Dal 76′ Ljubic),
Stankovic, Prass (Dal 84′ Ingolitsch), Horvat (Dal 70′ Kiteishvili);
Ajeti (Dal 76′ Sarkaria), Boving (Dal 70′ Fuseini). All. Ilzer

LAZIO (4-3-3): Provedel;
Hysaj, Gila (Dal 75′ Patric), Romagnoli, Marusic (Dal 46′ Lazzari);
Milinkovic-Savic (Dal 63′ Vecino), Cataldi, Luis Alberto; Felipe
Anderson (Dal 46′ Zaccagni), Immobile, Pedro (Dal 72′ Cancellieri).
All.: Sar

Cronaca della partita

Tre novità nella formazione rispetto a
quella schierata domenica contro lo Spezia. In difesa entrano Hysaj e
Gila per far rifiatare Lazzari e Patric, mentre in avanti Pedro
avvicenda Zaccagni. Sarri non rinuncia a Milinkovic che nelle due gare
precedenti di Europa League era partito dalla panchina. 

Gli austriaci
partono all’attacco. Al 3’, Hysaj salva i suoi su una punizione di Horvat . Al 12’ occasione da gol per i biancocelesti: Luis Alberto riparte in velocità e smista per Immobile, pronto a
rilanciare lo spagnolo che però al tiro viene anticipato da Dante.

La risposta dello Sturm Graz: Provedel vola per
neutralizzare la conclusione di Boving e un minuto dopo vigila su un
colpo di testa di Ajeti. Al 19’ il portiere della Lazio pasticcia su un
rilancio, Horvat è in agguato: tiro alto. Al 33’,
provvidenziale anticipo di Marusic su Boving in area. La squadra di
Sarri fatica a esprimersi secondo le sue caratteristiche, ma mantiene la
gara in controllo. Si va all’intervallo sullo 0-0.

Nella ripresa, Sarri inserisce Lazzari e Zaccagni al posto
rispettivamente di Marusic e Felipe Anderson.
Di conseguenza Hysaj si
sposta nel ruolo di terzino sinistro e Pedro in quello di ala destra.  Al 6’ lo Sturm si rende pericoloso con Affengruber, che da buonissima
posizione non inquadra la porta. Al 16’,  Siebenhandl in tuffo sventa su
Pedro che però poi risulta in fuorigioco. Un minuto dopo, posizione
regolare di Immobile, che calcia a volo su cross di Pedro: palla fuori.
Milinkovic, meno brillante del solito, viene sostituito da Vecino.

 Due
cambi nello Sturm Graz: Kiteishvili e Fuseini rilevano Horvat e Boving.
Al 27’ della ripresa Sarri avvicenda Pedro con Cancellieri. E’ proprio quest’ultimo che si fa notare subito, con un lancio per Immobile che da posizione decentrata calcia sul portiere in uscita. Patric subentra a Gila. Escono
Ajeti e Hierlander, Ilzer innesta Sarkaria e Ljubic. 

Al 35’ lungo lancio
di Hysaj per lo scatto di Immobile che smarca il portiere e insacca, ma la rete
viene annullata per fuorigioco dopo il controllo del VAR.
Espulso
Gazibegovic, già ammonito, per fallo su Zaccagni: gli austriaci restano in 10. La Lazio prova a trovare il gol del vantaggio fino all’ultimo, ma la gara si conclude senza gol.

La Lazio in Europa League ha certamente un passo più blando e compassato rispetto a quello spesso messo in mostra in Serie A. In Europa League la versione migliore della squadra di Sarri si è vista raramente e anche in casa dello Sturm Graz, avversario alla portata dei biancocelesti, Immobile e compagni non sono andati oltre lo 0-0.
Un passo avanti rispetto alla dura batosta subita in Danimarca nella
giornata precedente, dato che la Lazio questa volta non ha sbagliato l’approccio mentale alla gara, ma comunque ancora troppo poco per meritare il passaggio del turno.

Queste le dichiarazioni di Sarri nel post gara ai microfoni di Sky Sport: “La prestazione a livello mentale non l’abbiamo sbagliata, abbiamo fatto tanti errori dal punto di vista tecnico e abbiamo subìto l’aggressività degli avversari.

Una squadra che non c’è mentalmente non avrebbe portato a casa il risultato, invece nella ripresa potevamo anche vincere. Questa prestazione si può accettare”.

Lazio

Contenuti simili