MORTO PELE’, LA “LEGGENDA DEL CALCIO”

29 Dicembre 2022

Pelé, uno dei più grandi calciatori della storia del calcio, è morto oggi all’ospedale Albert Einstein di San Paolo del Brasile, dove era ricoverato dal 29 novembre: a Edson Arantes do Nascimento, questo il suo vero nome, era stato diagnosticato un tumore al colon nel 2021 e nelle ultime settimane le sue condizioni erano peggiorate. “Tutto ciò che siamo, è grazie a te. Ti amiamo infinitamente. Riposa in pace”, ha scritto la figlia Kely Nascimento su Instagram. Per lui parlano i numeri. Unico calciatore ad aver vinto tre Coppe del Mondo,  (1958, 1962 e 1970 ), ha giocato in sole due squadre di club: Santos e Cosmos New York, nella fase finale della sua carriera. Pelé ha conquistato: 10 campionati dello stato di San Paolo, quattro Tornei Rio-San Paolo, 6 campionati brasiliani, cinque consecutive Taça Brasil, due edizioni della Copa Libertadores, altrettante della Coppa Intercontinentale, la prima edizione (su due disputate) della Supercoppa dei Campioni Intercontinentali e un Campionato NASL con i New York Cosmos negli Usa. I più giovani forse si stupiranno nel sapere che Pelé, l’unico calciatore a vincere i Mondiali per tre volte (1958, 1962, 1970), nella sua carriera non ha mai conquistato il Pallone d’Oro. In realtà O’Rey non poteva vincerlo. Perché il Pallone d’Oro, istituito a metà degli anni ’50 da France Football, fino al 1994 è stato un premio riservato solo ai calciatori europei. Per questo né Pelé né Maradona sono riusciti ad aggiudicarselo quando erano in attività. Detiene il record di reti realizzate in carriera, 1281 in 1363 partite, mentre in gare ufficiali ha messo a segno 757 reti in 816 incontri con una media realizzativa pari a 0,93 gol a gara. Fa parte della National Soccer Hall of Fame ed è stato inserito dal settimanale statunitense Time nel “TIME 100 Heroes & Icons” del XX secolo. È stato dichiarato “Tesoro nazionale” e “Patrimonio storico-sportivo dell’umanità“. E’ il Calciatore del Secolo per la FIFA, per il Comitato Olimpico Internazionale e per l’International Federation of Football History & Statistics (IFFHS) e Pallone d’oro FIFA del secolo, ha poi ricevuto il Pallone d’oro FIFA onorario.