LA JUVENTUS CHIUDE IL BILANCIO 2021/2022 CON UNA PERDITA DA RECORD

LA JUVENTUS CHIUDE IL BILANCIO 2021/2022 CON UNA PERDITA DA RECORD

24 Settembre 2022

Il Consiglio di amministrazione della Juventus, riunitosi nella giornata di venerdì 23 settembre sotto la Presidenza di Andrea Agnelli, ha approvato il bilancio consolidato relativo alla stagione 2021-22, chiuso al 30 giugno, che ha evidenziato una perdita di 254,3 milioni di euro (a fronte dei 209,9 di giugno 2021). Il risultato negativo pesa come un macigno. Un record negativo mai registrato finora, una voragine che ha rischiato di risucchiare la ‘vecchia signora’ in una crisi pericolosa, tamponata un anno fa con un aumento di capitale di 400 milioni dopo quello del 2019 che ammontava a 300 milioni. Come mai questa perdita? A provocare il tutto sono stati i seguenti fattori: la contrazione dei ricavi (ricavi da gare, ricavi da vendite di prodotti e licenze e i proventi da gestione diritti calciatori) generata dalla pandemia,
la gestione Cristiano Ronaldo che ha bruciato risorse, e contestualmente un cammino in Champions deludente nonostante la presenza in squadra del fenomeno portoghese.
In particolar modo, la sconfitta casalinga contro il Benfica ha indirizzato in senso negativo il cammino verso gli ottavi di finale di Champions della formazione bianconera, facendo avanzare lo spettro della rinuncia ad un “tesoretto” di circa 30 milioni di euro oltre alla delusione sportiva. Probabilmente i conti in rosso ostacolano l’esonero di Allegri. 
E questo spiega la risposta colorita dell’ a.d Maurizio Arrivabene a un tifoso: “Lo paghi tu un altro allenatore al posto di Allegri?“. Ma la situazione dei conti va di pari passo con quella dei risultati sportivi, che dovranno necessariamente arrivare altrimenti un cambio allenatore, per quanto costoso, dovrà essere effettuato necessariamente.