CLAMOROSO A DOHA: GERMANIA BATTUTA DAL GIAPPPONE

24 Novembre 2022

Dopo la sconfitta dell’Argentina per mano dell’Arabia, arriva anche la clamorosa sconfitta della Germania contro il Giappone nella gara inaugurale del girone di ferro con Spagna e Costa Rica. Al rigore di Gundogan rispondono Doan e Asano nella ripresa.Un’altra sconfitta che dimostra la diminuzione del divario che intercorre tra le nazionali più blasonate e quelle di seconda fascia.

 

Formazioni

 

Germania (4-2-3-1): Neuer; Süle, Schlotterbeck, Rüdiger, Raum; Gündogan (67′ Goretzka), Kimmich; Gnabry, Musiala (79′ Götze), Müller (68′ Hofmann); Havertz (79′ Füllkrug). All. Flick.

Giappone (4-2-3-1): Gonda; Sakai (75′ Minamino), Itakura, Yoshida, Nagatomo (57′ Mitoma); Endo, Tanaka (71′ Doan); Ito, Kamada, Kubo (46′ Tomiyasu); Maeda (57′ Asano). All. Moriyasu.

 

Cronaca della partita

 

La Germania inizia con il piglio giusto, dimostrando sin da subito di voler imporre il proprio dominio sulla gara. Se gli uomini di Flick macinano maggior terreno e giocate, a scuotere il match ci pensa proprio la nazionale giapponese che all’8′ con Daizen Maeda trova la via della rete ma si fa pescare in posizione di offside.  Da lì in poi le occasioni migliori sono tutte di una Germania che spinge sull’acceleratore. Al 21′ tedeschi pericolosi con Kimmich, che calcia quasi a colpo sicuro ma trova il portiere del Giappone pronto ad esaltarsi. Al 33′ il vantaggio della Germania: Gundogan non sbaglia, rigore perfetto Gonda spiazzato. Il fallo era arrivato per fallo dello stesso portiere su Raum. Al 44′ ecco Musiala:  fiammata del talento tedesco, che riceve da Kimmich al limite, si gira in un fazzoletto e calcia forte di destro: palla alta non di molto.

Nei minuti di recupero del primo tempo, il Giappone si riaffaccia con Maeda colpisce di testa sul cross di Nagatomo ma il pallone sfila a lato.  Al 48′ occasione per Gnabry: Muller lo serve dopo una grande sgroppata centrale e lui calcia forte di destro, scheggiando la traversa.  La ripresa inizia con una sorpresa da parte giapponese: entra Tomiyasu, un difensore, per un attaccante esterno, Kubo. Si passa alla difesa a tre, tentando di cambiare la logica di un match che sembrava segnato. Ma lo scenario della partita non cambia di molto, con la Germania sempre padrona del gioco. Anzi, Musiala al 52′ sfiora il raddoppio dopo una spettacolare azione personale in area di rigore. Al 59′ è sempre il gioiellino del Bayern regalare a Gundogan il pallone del raddoppio che, però, si schianta sul palo. Il Giappone è schiacciato sulla propria metà campo e prova ad alzare il pressing, cercando di creare qualcosa dalle parti di Neuer. Il Giappone, con Moriyasu che mette in campo tutti gli attaccanti a disposizione. Le cose, questa volta, cambiano davvero. Al 73′ miracolo di Neuer che vale come un gol: parata strepitosa su Asano, che aveva colpito a colpo sicuro da pochi passi.  Al 75′ il Giappone pareggia: gol costruito dai neoentrati, Doan ribadisce in rete la respinta di Neuer sul tiro di Minamino. All’83’ raddoppio del Giappone: lancio dalle retrovie, Asano la aggancia magistralmente, resiste a Schlotterbeck e buca Neuer sul primo palo con una staffilata. La Germania, complice il solito super recupero, avrebbe ancora la possibilità di trovare il gol ma non riesce a costruire nulla di più di una conclusione di Goretzka.

I tedeschi iniziano così nel modo peggiore il loro mondiale. In un girone tutt’altro che facile, lo scontro diretto con la Spagna sarà determinante per il prosieguo del torneo.

Queste le dichiarazioni di Thomas Muller, l’attaccante tedesco che nel post gara è stato protagonista di un faccia a faccia con una giornalista della tv tedesca, che gli chiedeva se fosse convinto che la Germania avesse davvero dominato:  “Sono ancora un po’ scioccato perché questa partita, per come è stata giocata, molto spesso se ne esce vincitori. Non so che partita avete visto, ma credo che per 75 minuti eravamo in dominio, poi è chiaro che non siamo stati in grado di controllarla e abbiamo preso due gol, ma abbiamo giocato una buona partita, intensa e non abbiamo lasciato nulla al caso”.

Queste le dichiarazioni del ct del Giappone Hajime Moriyasu, le cui dichiarazioni nel post partita sono state riportate dal quotidiano nipponico The Japan Times: “I giocatori si sono uniti come in un’unica squadra. Ci siamo preparati bene e siamo rimasti lì, questo è ciò che ha portato alla vittoria. Molti dei nostri tifosi sono venuti a Doha, erano dietro di noi e ci hanno spinto in avanti. Voglio che manteniamo la calma dopo questo, guardiamo a cosa avremmo potuto fare meglio e cerchiamo di vincere la prossima partita”.

 

 

 

Germania Mondiali Qatar

Contenuti simili