LA ROMA TREMA MA RESTA IN EUROPA LEAGUE

4 Novembre 2022

Nell’ultimo turno del Gruppo C la squadra di Mourinho batte il Ludogorets 3-1 in rimonta e conquista il pass per il playoff chiudendo la fase a gironi al secondo posto.

Formazioni

Roma (3-4-1-2): Rui Patricio 6,5; Smalling 6, Ibanez 6, Vina 6,5; Karsdorp 5,5 (1′ st Cristante 6), Camara 5 (1′ st Volpato 6,5 – 35′ st Bove sv), Matic 6 (16′ st Zalewski 6,5), El Shaarawy 6; Pellegrini 7; Abraham 5,5, Belotti 5,5 (1′ st Zaniolo).

Ludogorets (4-2-3-1): Padt 6,5; Witry 6, Verdon 4,5, Nedyalkov 5,5, Cicinho 5; Piotrowski 6 (26′ st Nonato 6), Naressi 5,5; Tekpetey 6 (26′ st Despodov 5,5), Cauly 6, Rick 6,5; Igor Thiago 5 (26′ st Tissera 6)

Cronaca del match

 

Missione compiuta ma non senza sofferenza. La squadra di Mourinho batte il Ludogorets  e resta in Europa League: adesso ai giallorossi toccherà andarsi a giocare lo spareggio con una squadra retrocessa dalla Champions.  Non senza difficoltà, in uno stadio Olimpico tutto esaurito, i giallorossi superano la squadra bulgara che si dimostra, come al solito, avversario tosto. Dopo essere passati in svantaggio, i giallorossi la spuntano grazie ad un secondo tempo in cui giocano con sfrontatezza, e grazie alle reti di Lorenzo Pellegrini e Nicolò Zaniolo.  I giallorossi partono forte e aggrediscono la partita fin dal fischio d’inizio salvo poi spegnersi all’improvviso. Al 42′ il Ludogorets passa in vantaggio con Rick, che si fa ben 30 metri di campo palla al piede sfruttando una voragine a centrocampo della Roma prima di esplodere un gran destro da fuori area sul quale Rui Patricio non può nulla.

Ad inizio della ripresa, Mou studia la formula per ribaltare la partita e striglia i suoi.  Dentro dunque Cristian Volpato e Nicolò Zaniolo, che spezzano la partita e sono decisivi per le sorti del match. Al 52’ Volpato sfiora il gol:  entra in area dopo una serie di finte e calcia di sinistro. Deviazione della difesa del Ludogorets con il pallone che sfila vicino al palo.  Al 54’ Zaniolo, su fallo di Cicinho, si procura un calcio di rigore:  Pellegrini non sbaglia dal dischetto, 1-1 Roma. Pallone a destra e portiere a sinistra per il pareggio giallorosso.  Al 65’ ancora Pellegrini su rigore: Verdon atterra in area Zaniolo, scattato sul filo del fuorigioco. A segno ancora Pellegrini, portiere da una parte e palla dall’altra. 2-1 Roma. Al 76’ pareggio del Ludogorets annullato.  Nonato segna sfruttando una deviazione della difesa della Roma sul tiro di Tissera. L’arbitro Dabanovic assegna il gol, ma poi, richiamato dal VAR, lo annulla per un fallo di Rick su Ibanez in precedenza a metà campo ad inizio dell’azione.  All’85’arriva il gol di Zaniolo: il 22 giallorosso entra in area inseguito da due avversari e tocca di punta quanto basta per battere Padt.

La Roma non molla. Grazie alla vittoria col Ludogorets, i giallorossi limitano infatti i danni dopo un girone complicato e rimangono in Europa League chiudendo alle spalle del Betis. Certo, lo spareggio contro una delle terze classificate dei gironi di Champions League non sarà una passeggiata, ma consentirà ai giallorossi di continuare a giocarsela su un palcoscenico più importante della Conference League. Tabellino alla mano, è Pellegrini a firmare la rimonta, ma all’Olimpico è sicuramente Zaniolo l’uomo che ha cambiato l’inerzia del match mettendo in campo intensità, forza e convinzione. Convinzione che il gruppo a febbraio dovrà dimostrare di avere per tutta la gara se vuole continuare la sua avventura in Europa League.

Queste le dichiarazioni di Mourinho post gara a Sky Sport:  “ E’ stata una partita difficile davvero, loro sanno giocare e hanno gente con creatività e velocità e possono fare gol. Non è una squadra facile da affrontare ma il secondo tempo abbiamo rischiato tutto e siamo entrati con atteggiamento e intensità diversi. La Roma giocherà i playoff affrontando una delle ‘retrocesse’ dalla Champions: “Ai playoff ci saranno squadre di livello superiore, era una questione di orgoglio passare, adesso arrivano gli squali.”

 

Europa League Roma

Contenuti simili