BETIS-ROMA,1-1: GIALLOROSSI ANCORA IN CORSA PER LA QUALIFICAZIONE

16 Ottobre 2022

La Roma pareggia 1-1 con il Betis Siviglia nella 4a giornata di Europa League e rimane in corsa per il 2° posto che vale la qualificazione ai sedicesimi.

Formazioni

REAL BETIS (4-2-3-1): Claudio Bravo; Ruibal, Pezzella, Luiz Felipe, Miranda (85′ Alex Moreno); Akouokou, Guardado (81′ Guido Rodriguez); Rodri, Canales (81′ Carvalho), Joaquin (68′ Luiz Henrique); Willian José (69′ Borja Iglesias). All. Pellegrini

ROMA (3-4-1-2):
Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Zalewski, Cristante, Matic (46′ Camara), Spinazzola (71′ Vina); Pellegrini (87′ El Shaarawy); Belotti (76′ Bove), Abraham. All. Mourinho

Cronaca della partita

Pellegrini schiera in difesa l’ex Lazio Luiz Felipe e nel terzetto dietro Willian José trova spazio l’eterno Joaquin, 41 anni.

Mourinho, viste le assenze di Dybala e Zaniolo, fa di necessità virtù e schiera per la prima volta dall’inizio le due punti pesanti, Abraham e Belotti. La Roma parte con il piglio giusto, mantenendo la squadra corta e le giuste distanze, provando ad aggirare la difesa del Betis soprattutto con Spinazzola sulla fascia sinistra. Al 4′ gli spagnoli si fanno subito vivi con un tiro di sinistro dal limite di Rodri, che Rui Patricio neutralizza. I giallorossi non stanno a guardare e al 10′ il destro controbalzo di Pellegrini è centrale e facile per Bravo. Al 17′ i padroni di casa manovrano il pallone con Canales, che al 17′ pesca Miranda sul secondo palo, l’ex Barcellona invece che concludere di testa prova un goffo stop di petto e l’azione sfuma.

La Roma resiste bene agli attacchi del Betis, ma va sotto di un gol al 34′:  sinistro di Canales dal limite deviato da Ibanez che inganna Rui Patricio. Lo spagnolo ex Real Madrid si rende pericoloso dalla stessa mattonella anche qualche minuto più tardi, andando a pochi centimetri dalla doppietta e dimostrandosi ancora una volta indigesto per una Roma troppo lunga tra i reparti e preda del giropalla incessante degli andalusi. Il sussulto di marca giallorossa arriva nel recupero: Spinazzola mette dentro uno splendido pallone per Belotti che di testa fulmina Bravo, ma il gol viene annullato per fuorigioco millimetrico del Gallo.

Ciò che ha tolto nel primo tempo, il Var lo ridà a Belotti nella ripresa, quando l’ex Toro trova il pareggio da pochi passi su perfetto assist del neo-entrato Camara: il guardalinee sbandiera il fuorigioco ma la tecnologia lo corregge. Il ritmo cala di intensità, i padroni di casa fanno grande fatica a creare occasioni, anche se nel finale gettano nella mischia diversi titolari come Borja Iglesias e William Carvalho.

La Roma difende il pareggio con ordine e intelligenza e ora si giocherà tutto tra un paio di settimane.

Per la Roma questa era una partita da non perdere, ne è scaturito un pareggio, un risultato giusto per quello che si è visto in campo, e che accontenta entrambe le squadre: gli spagnoli sono già qualificati e puntano ora a difendere il primo posto, i giallorossi rimangono in corsa e sono padroni del proprio destino. Presumibilmente decisiva sarà l’ultima sfida del gruppo C con il Ludogorets. Un risultato giusto per quanto visto in campo, con la squadra di Mourinho che ha giocato una gara di grande attenzione, senza mai riunciare a offendere. Il Gallo Belotti ha evitato un’immeritata sconfitta, mentre Abraham continua a non riuscire a trovare la via del gol. Ottimo l’ingresso di Camara a inizio ripresa: suo l’assist per l’1-1 e prova di grande quantità.

Queste le dichiarazioni di Mourinho a Sky nel post gara: “Siamo vivi, adesso ci aspettano due partite da vincere, ma è buono perché dipende tutto da noi. La coppia Belotti-Abraham? Nel primo tempo un disastro, dopo l’intervallo sono rientrati con le orecchie rosse, seguendo tutto quello che ho detto loro nell’intervallo.”

Roma

Contenuti simili