CR7 SOSPESO DALLO UNITED

24 Ottobre 2022
Nella splendida cornice dell’Old Trafford va in scena una serata perfetta, o quasi: il Manchester United ha sconfitto il Tottenham e si è riavvicinato all’alta classifica. Un 2-0 netto che sta pure stretto ai Red Devils che potevano vincere in maniera ancora più netta. Ma, appunto, c’è una nota stonata: Cristiano Ronaldo si rende ancora una volta protagonista in negativo in questa stagione maledetta con lo United. L’asso Portoghese ha lasciato la panchina prima del fischio finale di gara dopo essersi rifiutato di subentrare. Sul punteggio di 2-0 e dopo che all’87’ erano già entrati in campo Eriksen ed Elanga, Ronaldo non ha voluto ascoltare le istruzioni di Ten Hag che era pronto a concedergli quegli ultimi “spiccioli” di partita, rifiutandosi così di entrare in campo.
Questo comportamento è costato caro a CR7. Il club lo ha sospeso: la decisione arriva su input diretto del tecnico Erik ten Hag.
Il portoghese non farà parte della squadra che sabato prossimo andrà a fare visita al Chelsea, né si allenerà con i compagni. L’atteggiamento di Cristiano, che se ne va in maniera robusta e sdegnata verso gli spogliatoi prima della fine della gara,  è irrispettoso non solo nei confronti del tecnico, ma anche nei confronti dei compagni di squadra. Un atteggiamento sportivo e impopolare, che un calciatore non può permettersi neanche se ha vinto cinque Palloni d’Oro ed è il primatista di tutti i tempi in termini di gol segnati.
Il rapporto con lo United, squadra che lo ha lanciato in passato,  è destinato a finire e a gennaio sicuramente Cristiano cambierà squadra. E lo farà per motivi di orgoglio, oramai al portoghese non interessano più le sorti dello United, ma interessa solo ricostruire la sua fama. Si conclude un altro brutto capitolo della stagione di Cristiano allo United.
Cristiano Ronaldo

Contenuti simili