TROPPO BAYERN, POCA INTER A SAN SIRO

TROPPO BAYERN, POCA INTER A SAN SIRO

8 Settembre 2022
Ad eccezione del primo quarto d’ora di secondo tempo, non c’è partita tra Inter e Bayern Monaco: i bavaresi vincono a San Siro alla prima giornata di Champions League con il gol di Sané nel primo tempo e l’autogol di D’Ambrosio nella ripresa.
Formazioni

INTER (3-5-2): Onana; D’Ambrosio, Skriniar (72′ De Vrij), Bastoni (72′ Dimarco); Dumfries (72′ Darmian), Mkhitaryan, Brozovic, Calhanoglu (81′ Gagliardini), Gosens; Lautaro Martinez, Dzeko (71′ Correa). All. Inzaghi.

BAYERN MONACO (4-2-3-1)
: Neuer; Pavard, De Ligt (75′ Upamecano), L. Hernandez (84′ Stanisic), Davies; Kimmich, Sabitzer (61′ Goretzka); Coman (75′ Gnabry), Müller, Sané (84′ Musiala); Mané. All. Nagelsmann.

La partita

Inizia bene il Bayern che al 7 minuti, con Coman, si trova davanti a Onana in corsa da posizione defilata, pallone altissimo.
Al 25′ arriva il gol di Sanè. Vantaggio meritato dei bavaresi: palla in profondità e taglio tra D’Ambrosio e Dumfries, controllo pazzesco, salta Onana e insacca.

Al minuto 37′ tre occasioni contemporaneamente per il Bayern: Onana para su Coman, Skriniar respinge su Muller e Sabitzer manda largo di poco.
Nella ripresa l’Inter prova a regire con l’occasione al 50′ per Dzeko: destro di prima improvviso in area di rigore, rasoterra: ma Neuer blocca.
Al 65′  cross dalla destra deviato da Bastoni, il pallone sfugge al camerunense Onana e colpisce il palo.
Al 66′ il raddoppio dei bavaresi provocato dall’ autogol di D’Ambrosio: grandissima azione dei bavaresi, doppia triangolazione spettacolare tra Sané e Coman: Onana esce, D’Ambrosio prova a salvare ma manda il pallone in porta.
All’84’ Inter vicina al gol con Correa che calcia da solo davanti a Neuer e manda sul fondo!
Il match termina sul 2-0. Rammarico per i nerazzurri che esprimono tutto il proprio dispiacere attraverso le parole del tecnico nerazzurro Inzaghi ai microfoni di Sky Sport: “Abbiamo fatto i primi 20 minuti troppo contratti, abbiamo trovato di fronte una squadra straordinaria, intensa, una delle più forti d’Europa. Dopo il primo gol, in cui dovevamo far meglio a livello di squadra, siamo andati meglio e abbiamo creato tante situazioni. Poi abbiamo sbagliato tecnicamente l’ultimo passaggio. Nel secondo tempo abbiamo portato pressione, avuto l’occasione di Dzeko e quella di Correa nel finale per riaprirla. Serviva la partita perfetta, non c’è stata, ma il Bayern ha grandissima qualità“.
Queste invece le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bayern Nagelsmann in conferenza post partita: “Sono soddisfatto della prestazione, abbiamo giocato in modo intenso per 90′. C’e’ stata solo una fase in cui abbiamo lasciato troppo spazio e le squadre si sono allungate, l’Inter ha orchestrato buone azioni ma abbiamo avuto diverse occasioni per segnare, abbiamo difeso bene e siamo stati compatti. Potevamo chiuderla prima, sono comunque contento ed e’ un ottimo inizio in Champions League”, spiega.

Per la formazione d Simone Inzaghi si tratta della terza sconfitta stagionale, la seconda consecutiva dopo quella nel derby contro il Milan. Un k.o. che complica già il cammino nel “girone della morte” vista anche la sontuosa vittoria del Barça contro il Viktoria Plzen. L’Inter è uscita stordita dai 90’ contro la formazione di Nagelsmann, superiore in tutto. Non c’è stata partita, a eccezione del primo quarto d’ora della ripresa, in cui i nerazzurri ci hanno messo l’orgoglio, gli ospiti hanno aspettato sornioni e poi, a freddo, colpito e chiuso i conti. Quello che preoccupa è come è maturato il 2-0: se l’anno scorso l’Inter se l’era giocata alla pari con Real Madrid e Liverpool, questa volta la differenza con il Bayern è stata evidente. Incolmabile. La qualificazione agli ottavi è tutta da giocarsi. Ma il 5-1 dei catalani sul Victoria Plzen suona come una minaccia.

Inter

Contenuti simili