SARRI PERDE LA TESTA CONTRO IL DS DEL VERONA.

Al 73' del match tra Lazio ed Hellas Verona, Maurizio Sarri ha perso le staffe e ha rivolto un gesto poco elegante all'indirizzo della panchina della Verona: dito medio alzato verso il d.s. gialloblù Francesco Marroccu, prima di essere allontanato da un componente dello staff della Lazio e dal quarto uomo Baroni. 
Tutto è partito dalle proteste dei gialloblu per un fallo accertato dal direttore di gara, del veronese Ilic sul laziale Luis Alberto, che invece, secondo i veneti avrebbe simulato.
Il giudice sportivo deciderà se punire il gesto di Sarri o meno: ci sono precedenti che hanno portato a multe e squalifiche, ma anche casi in cui il protagonista del gesto non ha subito né ammende, né turni di stop. 
Queste le parole di Sarri sull'episodio: “Il direttore Marroccu lo conosco da tanti anni. Ho avuto l’impressione che mi avesse detto di mettermi seduto, allora ho risposto. Poi abbiamo chiarito e abbiamo riso sopra l’episodio. Lui mi aveva detto di stare calmo, non di mettermi seduto”
E dal fronte Verona, Marroccu ha comunicato: “Con mister Sarri non è successo niente di grave e non c’è alcun problema. Oramai al giorno d’oggi con tutte le telecamere che ci sono si vedono anche cose che sono strettamente di campo. A fine partita ci siamo abbracciati anche perché lo stimo molto. Detto che neanche mi ero reso conto del gesto, in generale per me quello che succede in campo si chiude in campo”.