LA JUVENTUS RALLENTA LA CORSA CHAMPIONS

La Juve rallenta in zona Champions League. Nella 33 ma giornata di Serie A la squadra di Allegri non va infatti oltre l'1-1 col Bologna e tiene aperta la lotta per il quarto posto a quota 63 punti. Un punto e tanti rimpianti, troppo poco per mettere pressione al Napoli e tenere a distanza la Roma. Senza Arthur, Locatelli e con McKennie e Zakaria non al meglio, Allegri deve inventarsi il centrocampo e piazza Danilo in mediana insieme a Rabiot e Cuadrado. Davanti spazio al tridente pesante Dybala-Vlahovic-Morata. Dopo la vittoria con la Samp, il Bologna si presenta invece allo Stadium con Soriano, Svanberg e Schouten in cabina di regia, Hickey e Dijks sugli esterni e la coppia Orsolini-Arnautovic in attacco. Nel primo tempo la Juve non centra mai lo specchio della porta, Vlahovic di testa sfiora il palo lontano, Dybala ci prova su punizione, mentre Danilo con un diagonale impensierisce non più di tanto la retroguardia rossoblù. I felsinei si rendono protagonisti di sporadici attacchi soprattutto con Orsolini e Svemberg. Primo tempo noioso che si chiude con poche occasioni e poca fantasia. Nella ripresa occasioni per Arnautovic e Rabiot. Il Bologna spinge di più ed i suoi sforzi vengono premiati dal gol di Arnautocvic che, servito da Soriano, si inserisce in area e dribbla l’estremo difensore avversario. 1-0 Bologna.  La Juve prova a reagire, Danilo colpisce un palo, Morata lanciato a tutta velocità verso Skorupski viene prima spintonato, poi contrastato fallosamente da un intervento ruvido e da tergo di Soumaoro che si concretizza in area di rigore. Lo spagnolo e i compagni di squadra chiedono immediatamente la massima punizione ma Sacchi lascia proseguire e l'azione termina con una traversa a porta vuota di Cuadrado. La Juve pareggia nel cuore del recupero, acrobazia di Morata, zuccata di Vlahovic che salva la Juventus.