"SABATINI DA CHAMPIONS? NON SA NEANCHE ACCENDERE UN PC"

Continua a fare notizia il battibecco tra l'ormai ex direttore della Salernitana ed il Presidente Danilo Iervolino. A scatenare il confronto mediatico è stata la rottura dei rapporti tra i due, consumatasi all'indomani della storica conquista della "salvezza".


Le ragioni del Presidente Iervolino

Il club voleva aumentare lo stipendio del calciatore Coulibaly ma avrebbe dovuto versare una commissione all'agente, impegno che aveva preso Sabatini, magari per evitare che lo stesso si mostrasse sensibile ad altre offerte. Dure le dichiarazioni in merito del Presidente Iervolino, rilasciate sul quotidiano “La Gazzetta dello Sport”: Iervolino non si piega a questo modo di fare mi piegherò mai a questo sistema: se un giocatore riceve una buona offerta è libero di andare.

Il Presidente ha poi ironizzato sulle competenze informatiche di Sabatini che, a detta sua, non è in grado di inviare email nè di utilizzare un pc.

Iervolino continua poi l'attacco dicendo che ingiustamente Walter Sabatini ha bocciato la decisione di acquistare Cavani. 

La replica di Walter Sabatini

Il problema delle commissioni non è un problema di Sabatini, ma un problema del sistema calcio. “Ancora oggi sono pentito di non aver concluso con il povero Raiola proprio a causa di una lite su una commissione di quattro milioni per portare un giovanissimo Paul Pogba alla Roma". Lo ha detto l'ex ds della Salernitana, Walter Sabatini, su Rai Radio1, rispondendo a un attacco da parte del Presidente, che ingiustamente gli ha dato del bugiardo. Walter Sabatini ha risposto minacciando Iervolino di volerlo portare in Tribunale.