MILAN: SCONFITTA PESANTE E MANCATO SORPASSO SULL'INTER

Quella che doveva essere la sera del grande sorpasso in vetta ai danni dei cugini è diventata la sera della grande beffa per il Milan, uscito da San Siro con zero punti e la rabbia di aver buttato via una grandissima occasione anche, ma non solo, per il grave errore dell'arbitro Serra.

Pioli fa un solo cambio rispetto all'11' che ha vinto col Venezia: Krunic per lo squalificato Tonali. In attacco Ibra, con alle spalle il terzetto formato da Saelemaekers, Diaz e Leao.

 Thiago Motta recupera Nzola, che non è al meglio e lascia il posto in attacco a Manaj. Bastoni e Kiwior, due difensori, a centrocampo. Al 2’ gran destro di Leao, la sua soluzione a giro finisce non lontano dai pali. Al 15’ e al 24’ due conclusioni del solito Leao, sulla prima parata da Provedel, la seconda finisce alta. Al 28’ azione di Ibra, che si libera di potenza dalla marcatura di Erlic, ma c’è ancora un eccellente Provedel a respingere il suo destro.

 Al 30’ si vede anche lo Spezia, con Reca che vince un contrasto con Florenzi e conclude, ma Maignan è attento. Al 45’ rigore per il Milan per un fallo di Provedel sullo straripante Leao, Hernandez lo fallisce. Un minuto dopo, lancio dalle retrovie per Leao che approfitta dell’ erroraccio di Nikolau e stavolta insacca alle spalle del portiere. 1-0 Milan. Il primo tempo finisce con un dominio rossonero. Nella ripresa lo Spezia non sta a guardare.

Al 64’ pareggia lo Spezia con Agudelo su cross di Verde: c’è il Var per un possibile fuorigioco di Verde, ma il gol poi viene confermato. Al minuto 83', ancora occasione per lo Spezia con Agudelo, autore del gol, che semina il panico nell’area dei rossoneri e crossa un pallone respinto da Calabria, sul quale Kovalenko si avventa e conclude di destro centralmente. Maignan è attento e para. Al 92’, il direttore di gara non concede clamorosamente il vantaggio a Messias dopo un fallo di Kovalenko su Rebic al 92', una svista incredibile resa ancora più amara dal gol di Gyasi all'ultimo secondo, che regala a Thiago Motta tre punti fondamentali nella corsa salvezza.

Al 94’ Ibra colpisce di testa la traversa. Il Milan viene sconfitto e perde l’occasione per il sorpasso sull’Inter.