LA ROMA SI ARRENDE AL GLADIATORE BELOTTI.

Il Toro vince e convince nella serata Romana, occupa bene il campo, verticalizza, difende compatto e porta a casa 3 punti contro una Roma propositiva ma inefficace.  La sfida disputata all’Olimpico è da subito molto piacevole. La Roma gestisce bene il possesso palla e punta molto sui guizzi di Perotti e Pellegrini, ma la squadra di Mazzarri “tiene botta” e si rivela micidiale sotto porta, dapprima con un palo colpito da Belotti, poi con un'altra grande occasione per De Silvestri di testa. La Roma ci prova con tanti tiri da fuori area, tra tutti quelli di Kolarov su punizione e di Pellegrini, ma l'unica vera palla gol dei primi quarantacinque minuti è un destro dello stesso Pellegrini al 39' in area che trova però una grande risposta di Sirigu.

 Al 46' del primo tempo Belotti sblocca il risultato con un mancino forte sotto la traversa. Nella ripresa la Roma prova si avvicina alla porta due volte con Perotti che trova però un Sirigu concentrato e attento. La squadra di Fonseca ci riprova con un’altra punizione di Kolarov e con il colpo di testa di Dzeko largo di poco.

Nel finale la Roma protesta per un mancato cartellino giallo su Izzo che, già ammonito, colpisce la palla di mano al limite dell’area. All’ 83’ arriva l'episodio che sigilla i 3 punti, Smalling smanaccia in area il pallone dopo un rimpallo con Belotti, var e rigore trasformato proprio da Belotti.

 Con la vittoria di ieri sera i ragazzi di Mazzarri risalgono a quota 24 punti e momentaneamente al nono posto della classifica. Le parole di Belotti nel dopo gara ai microfoni di Dazn: “finalmente cattivi e come voleva il Mister, ci abbiamo lavorato prima. Ci siamo riusciti solo adesso. Bravo io come tutti gli altri ragazzi”. Per la Roma una debacle che potrebbe chiudere il ciclo di Pallotta a capo della Società in quanto nei prossimi giorni la due diligence prodromica al trasferimento della Roma potrebbe concludersi e dare il via al passaggio di consegne del Club giallorosso.