JUVENTUS KO. LA COPPA ITALIA VA AL NAPOLI

In un Olimpico vuoto e triste, sotto gli occhi del C.T. della Nazionale, il Napoli vince il primo trofeo della stagione, battendo la rivale di sempre. Agnelli battuto come nel 2014 a Doha, dopo 90 minuti con pochissime emozioni.  Sorride Rino Gattuso che trionfa il primo trofeo personale da tecnico, compiendo la vendetta di De Laurentis nei confronti dell’ex più amato e odiato, Maurizio Sarri.

Nel primo tempo meglio i bianconeri. Nel secondo tempo la partita viene invece controllata dal Napoli. Da sottolineare la prestazione superba di Buffon che salva il risultato in più occasioni. Ai rigori, però, il campione del mondo può nulla di fronte ai rigori battuti dai calciatori del Napoli che ne segnano 4. I bianconeri si rassegnano, recriminando i rigori falliti da Dybala e Danilo.

Il Napoli batte così la Juve e trionfa a Roma. Suggestivo il discorso di Gattuso alle 23:09 in mezzo al campo: “Grazie ragazzi, sono orgoglioso di voi, del senso di appartenenza che avete”.  La Juventus di Sarri perde il suo secondo obiettivo stagionale.
Al tecnico bianconero viene rimproverato, per l’ennesima volta, il mancato cinismo e la cattiva gestione dei secondi 45’. Discutibile, inoltre, la decisione di non far calciare Ronaldo tra i primi tiratori.

La panchina di Sarri traballa. Malgrado infatti le rassicurazioni ufficiali del club, per il tecnico Toscano il percorso in Champions ed in Campionato diventano decisivi.