ITALIA, SI RIPARTE DA GNONTO

Si è conclusa in pareggio la sfida tra Italia – Germania, con il risultato di 1-1. La nuova Italia di Mancini inizia con un pareggio, un buon 1-1 con la Germania. Tuttavia, la Nazionale, per come ha giocato a Bologna, avrebbe meritato la vittoria, e il risultato sta  un po' stretto: il giocatore simbolo dell’ottima prestazione azzurra è Wilfried Gnonto, ragazzino classe 2003, che gioca nello Zurigo e che Mancini ha lanciato a metà del secondo tempo. Al 64′ Politano ammaina la bandiera per un infortunio, lo sostituisce Gnonto che ha avuto un grande impatto sulla partita. L'ex nerazzurro con una bella giocata si beve Kehrer e mette in mezzo un pallone eccezionale per Pellegrini che firma l'1-0. Dopo due minuti pareggerà Kimmich, e finirà 1-1. Ma tra i promossi c'è nettamente Wilfried Gnonto, che ha mostrato lo spirito giusto e soprattutto tanta voglia di fare: nessuno può sapere questo nuovo ciclo cosa produrrà, ma sicuramente l'atteggiamento del giocatore è quello giusto. Gnonto, intervistato ai microfoni della RAI, a fine partita, ha ringraziato Mancini per l’occasione concessa con lo stage in Azzurro, che ha sfruttato al meglio, e ha dedicato la prestazione alla famiglia”. Inoltre ha parlato anche della scelta di lasciare l’Inter, per trasferirsi allo Zurigo e giocare di più. Con gli elvetici quest’anno ha vinto il campionato, totalizzato 59 presenze e 9 reti. La valutazione di Gnonto fino a ieri era sui sei milioni di euro, ma dopo la prestazione di Bologna il prezzo potrebbe lievitare. Il talento di Verbania piace a mezza Europa. Radiomercato l'ha accostato più volte alla Roma che avrebbe fatto un sondaggio sul giocatore.