GATTUSO VALENCIA: E' BUFERA PRIMA ANCORA DI INIZIARE

A lanciare la protesta è stato l’ex presidente Miguel Zorio e in breve tempo l’hashtag #NoaGattuso è diventato popolare tra i tifosi del Valencia. Come un anno fa, ora Gennaro Gattuso rischia di non sedersi nemmeno sulla panchina del club spagnolo. Oggi il Valencia ha annunciato, con una nota sui proprio profili social, l’esonero ufficiale dell’allenatore José Bordalas.

Per Gennaro Gattuso è pronto un contratto biennale con il Valencia, ma la panchina rischia di saltare prima ancora che cominci la sua avventura. L’ex tecnico di Milan e Napoli è stato messo sotto accusa per aver proferito alcune frasi omofobe e razziste.  Affermazioni su donne, omosessuali e razzismo che sono tornate a galla nel giugno 2021, ad opera dei tifosi del Tottenham. La prima fu pronunciata nel 2008: “Il matrimonio dovrebbe essere tra un uomo e una donna e il matrimonio omosessuale è molto strano per me. Ma ognuno fa quello che vuole”.

Le altre risalgono al 2013. Una in occasione dell’arrivo di Barbara Berlusconi nella dirigenza rossonera: “Non riesco proprio a vedere le donne nel calcio. Non mi piace dirlo, ma è così”. L’altra riguardava le proteste di Boateng contro i cori, gli ululati e i fischi razzisti. Gattuso disse: “Quante volte i bianchi sono stati fischiati? A me è successo, ma non gli do molta importanza“.