BEPPE MAROTTA, INTRECCI PASSATI E PRESENTI TRA JUVE ED INTER

Il sondaggio di Allegri
 
Il dirigente del club nerazzurro, in una intervista a Dazn, rivela di aver cercato Allegri per la panchina nerazzurra: “Max era libero ed era un profilo adeguato, poi la scelta è virata su Inzaghi."
Marotta ha dunque ammesso un contatto con Allegri in passato prima che si liberasse Inzaghi, che è stato contattato proprio nel momento in cui era a cena con Lotito per parlare di rinnovo contrattuale. In quell'occasione Simone manifestò la scelta di fare una nuova esperienza di crescita professionale, dopo esser rimasto nel club biancoceleste per circa vent’anni, sia come giocatore che come allenatore.

I rapporti con Agnelli

Alla domanda specifica sull'eventuale rottura con il Presidente Juventino, Marotta ha subito tergiversato negando una possibile "crisi" del rapporto. Marotta non si sbilancia molto sul punto, ma smentisce categoricamente che vi siano delle antipatie o rancori legati all'abbandono della Juventus prima di approdare in casa Inter. Secondo quanto riferito, tra i due ci sarebbe ancora stima e rispetto reciproco.

I colpi di mercato Ronaldo e Pogba

Impossibile, durante l’intervista a Beppe Marotta, non parlare di calciomercato, e dei colpi messi a segno dalla Juve nel periodo della sua permanenza in bianconero. Marotta affronta la questione Ronaldo: “ Chiaro che quando si acquista un giocatore come Ronaldo, si deve fare una valutazione globale, sia tecnica, che economica”. Marotta , nel corso dell’intervista, dichiara di non essersi mai fermamente opposto all’operazione, ma di aver fatto le sue osservazioni legittime alla società bianconera. D’altra parte, è lecito che, in un contesto dirigenziale, ci siano delle contrapposizioni. Il miglior colpo messo a segno da Marotta alla Juventus? Senza alcun dubbio Pogba, arrivato a parametro zero e poi rivenduto 110 milioni.  

Marotta, pressing su Dybala

 Il pressing di Marotta per Dybala è costante, quasi quotidiano. Dybala ha capito che la Juventus è il suo passato, ma soprattutto che l’Inter potrà presto essere il suo presente e il suo futuro. Intanto tra Dybala e Milano c’è già un legame significativo. Dove c’è Inter c’è casa. Paulo Dybala, infatti,  ha acquistato un immobile a Milano, quinto piano, Scala A. A due passi dalla sede dell’Inter, la zona della città che insieme a City Life sta vivendo il periodo di massima espansione. Sembrerebbe che l’acquisto è stato concluso ormai qualche mese fa e adesso si tratta solo di capire se ad abitare la casa sarà proprio il campione argentino o se invece alla fine si tratterà solo di un investimento. Di sicuro, per adesso possiamo parlare di un indizio importante, che confermerebbe la vicinanza del giocatore all’Inter.