ALLEGRI GIA’ SOTTO PROCESSO: LE DICHIARAZIONI POST -GARA

I tifosi della Juventus sembrano bocciare l’operato del tecnico nelle prime due gare di campionato. Si ripete dunque il solito harakiri. I supporter infatti rimproverano alla squadra la scarsa capacità di creare occasioni gol.

Ma veniamo alle dichiarazioni del diretto interessato che, all’indomani del deludente pareggio rimediato dai bianconeri contro il blucerchiati, rimbalzano tra i social  con un filo di ironia. Incalzato dai giornalisti di Dazn, l’allenatore bianconero ha commentato con timido ottimismo la prestazione dei bianconeri, sottolineando il dato di zero reti subite nelle prime due di campionato.

Lo scontro contro la Sampdoria sembra tuttavia aver messo a nudo tutti i limiti della formazione di Allegri, priva degli infortunati Di Maria e Pogba: una Juve poco incisiva e con poche idee nella fase di costruzione del gioco.

Uno dei punti da migliorare che è emerso nel corso del match è stato l’impiego di Vlahovic, pescato troppo poco in area di rigore. Interrogato sul tema, il tecnico ha in parte sviato la domanda rimarcando i margini di miglioramento del giovane bomber sotto porta.

Sul mercato Allegri non ha rilasciato dichiarazioni chiarendo che la Società sta lavorando al meglio su questo fronte.

Molto interessante il commento di Max su alcuni comportamenti in campo dei suoi. L’allenatore, a tal proposito, ha ammonito Miretti e per il fatto di aver corso all’indietro in più di un’occasione. Un errore grave che, a detta sua, richiede un ripensamento degli insegnamenti che si impartiscono ai giovani calciatori. 

Sulla scelta di lasciare Zakaria in panchina: “È stata una scelta tecnica. Avevo bisogno di qualità nello stretto e Miretti ne ha di più anche se è più giovane”.

Ma è ai microfoni di Sky che il tecnico da il meglio di se, ironizzando sulla tendenza di molti opinionisti a concentrarsi su aspetti teorico/tattici piuttosto che sulla tecnica di base individuale dei calciatori. In questo senso l’allenatore ha ironizzato chiarendo che “giocare a calcio è molto semplice: basta passare la palla a quelli che hanno la stessa maglia.” Parafrasando, l’allenatore ha voluto invitare gli osservatori a non soffermarsi troppo su aspetti tattici. Infine, l’ennesimo richiamo al fatto che la differenza la fa la qualità dei calciatori: “nel calcio ci sono le categorie e Di Maria è di un’altra categoria”.